Loading...

giovedì 7 giugno 2012

IKEA E LA CAMPAGNA DI RUSSIA


L'Ikea abbatte le vecchie foreste della Karelia per produrre mobili a basso costo?


Lo denuncia la Global Forest Coalition: l'Ikea usa alberi centenari per i propri prodotti. Gli alberi vengono dalla Russia, e più precisamente dalla Carelia,  attraverso l'impresa svedese Swedwood, controllata da Ikea. La Global Forest Coalition (un'alleanza di organizzazioni non governative con membri in oltre 40 paesi) condanna fermamente le le pratiche distruttiva di Ikea in Russia. L'associazione svedese Protect the Forest, membro della Global Forest Coalition, e l'associazione ambientalista russa Spok hanno provato con una investigazione sul campo in Carelia russa, che la Swedwood abbatte foreste con alto valore di biodiversità e di alberi centenari.
Secondo gli ambientalisti l'Ikea sta radendo al suolo foreste con alberi di un'età che varia tra i 200 e i 600 anni ed anche Josefin Thorell, una portavoce dell'Ikea, ha ammesso su o Mongabay t che "L'età media degli alberi abbattuti nella regione è di 160 anni", ma ha aggiunto che "L'età degli alberi tagliati è meno importante della gestione complessiva della concessione. In una gestione responsabile delle foreste si tratta davvero di gestire la foresta in modo da proteggere la biodiversità, piuttosto che concentrarsi sull'età dei singoli alberi. Risparmiamo il 16 - 17% della foresta per preservare i valori di alta conservazione, il che è ben al di sopra dei requisiti di legge, nonché dei requisiti Fsc. Il livello corrisponde l'obiettivo globale fissato dall'Onu nella Convention on biological diversity (Cbd)». Ma le foreste più vecchie sono importantissime perché ospitano i più alti livelli di biodiversità e stoccano più CO2, ma nonostante questo continuano ad essere prese di mira in tutto il mondo dal disboscamento legale ed illegale. La Thorell ribatte che l'Ikea non smetterà di sfruttare le sue enormi concessioni forestali: «Il livello di abbattimento nel nostro contratto d'affitto è basso: circa lo 0,4% all'anno del contratto di locazione, che è molto più basso rispetto alla velocità media della foresta zione della Karelia". Secondo Viktor Säfve di Protect the Forest, che anche se la Swedwood non taglia più di 1000 - 2000 ettari l'anno, consuma molto più legno della regione: "Ikea/Swedwood non utilizzano solo il legno proveniente dalle foreste centenarie che abbattono, acquistano anche legname proveniente da altri attori dell'area, e il numero reale di alberi centenari che Ikea ha contribuito a distruggere è maggiore".
"E' molto triste che foreste che ci hanno messo secoli per maturare possano andare perse in pochi giorni - spiega Andrei Laletin, di Friends of the Siberian Forests - Ikea promuove il consumo di massa di prodotti economici a base di legno, e questo abbassa il valore che la gente da alle foreste centenarie. In questo minaccia il diritto delle generazioni future a godere i vantaggi del nostro patrimonio forestale". 
L'associazione svedese Protect the Forest ha lanciato una petizione per aiutare Ikea e Swedwood a cambiare pratiche forestali.


 http://www.salvaleforeste.it/

Nessun commento:

Posta un commento